Progetto Sommossa

raccolta dell'evoluzione del suddetto progetto musicale

un intervista

uh uh uh, un itervista.

http://www.steampunkitalia.com/intervista-a-andrea-falaschi-alias-frater-orion/

eh si in questa intervista si parla di questo progetto.

oh si ci sono delle novità

oh si, c’è una sorpresa

ohhh , si avete voglia ?

Annunci

La cavalcata delle valchirie milf – VIDEO

nel mentre la produzione del nuovo disco continua, non ho potuto resistere dall’utilizzare un girato che mi tenevo da parte da un pò di tempo:

bando alla cance:
ecco il nuovo video di Progetto Sommossa!

DAIRY BLOOD – Nuovo singolo

in attesa dell’uscita del nuovo album di progetto sommossa “STEAMUSIC”

Vi intratterò con  un nuovo singolo nato tutto d’un getto:

DAIRY BLOOD

THE SANATORY – gameplay ??

 

Esperimenti

Esperimento sociale? quello di far passare questo video musicale come gameplay?? o più reale rappresentazione di pazzia?

fatto sta che quell’omino inquitante che vedrete solo se starete veramente attenti.. avra un effetto SHITBRICKS.

Preload the sanatory

avete presenti i tarocchi?

come qualcuno di voi saprà, non sono carte per predirre il futuro.
possono essere lette come pagine di un libro iniziatico, che distilla la via per diventare un uberman. (l’uso della parola tedesca per prendere un concetto di nietzsche, è utile poiché nella traduzione perde molto)

importante per la mia discussione è far presente che c’è una carta senza numero, il folle.
questa non è solamente la prima carta, ma anche l’ultima. questo non è solamente l’ìnizio del cammino, ma anche la fine.
questo implica che non si riuscirà a distinguere un folle che non ha inziato il cammino, da un folle perché l’ha compiuto.

difatti. se ci pensate bene. nietzsche è morto pazzo.

Questo solamente per illuminare ai vostri occhi, quanto sia di mio grandissimo interesse la pazzia.
e questo per spiegarvi che il prossimo video, sarà piuttosto deviantemente legato a questo tema.

a presto con: THE SANATORY

free to ride the way you want

un tempo le persone, i giovani, non potevano percorrere la strada che volevano, impedimenti sociali e non solo si frapponevano davanti a loro. Muri di moralità inscavalcabili, se non a costo dell’esilio.

adesso la situazione è diversa, chiunque senza remore può scegliere la strada che vuole e seguirla. Il problema è da tutta un altra parte, infatti non sappiamo (perché non abbiamo i mezzi per farlo) QUALE strada VOGLIAMO scegliere.

Ed è qui che i nostri oscuri Signori intervengono, guidando indirettamente le nostre scelte.

Ed è qui che la nostra situazione si rivela di gran lunga peggiore di quella del passato. Poichè di fatto non è cambiato niente (c’è chi sceglie per noi) ma in più noi siamo addirittura convinti che stiamo scegliendo col nostro cervello, e che quello che andremo a fare è ciò che realmente vogliamo.

la mia missione è quindi una sola.

Instillare in voi il DUBBIO.

Il dubbio vi concederà grazia, il dubbio vi aprirà una porticina, imboccatela, esplorate cosa c’è dentro voi stessi.
potreste trovarci molto, potreste trovarci cose che non immaginate, ma soprattutto potreste trovarci (e ce le troverete) le peggiori oscure ossessioni e perversioni. o nel peggiore dei casi, non ci troverete niente, ma a quel punto sarete grati che qualcuno abbia scelto per voi.

Quello che vedete in progetto sommossa, è solamente parte di quel che c’ho trovato io.

The Convent – Videoclip

Un buco.

Nella memoria un buco.

Ricordo solo pochissime immagini, flash di quel periodo.

Ricordo solo la loro tremenda austerità, nata dalla loro autorepressione del loro essere femminile.

Credo di aver rimosso tutto il resto.

Fatto sta che un bambino di 3 anni venne ricoverato all’ospedale, la somatizzazione delle esperienze vissute e represse è molto forte a quell’età, e lascia segni(e problemi cronici) per il resto della vita.

Questo per farvi capire, a cosa è dedicato il nuovo videoclip che andrete a vedere…

Adesso!

Un anno dopo

Quelle stronzate scritte fino ad adesso sono state un grande buco nel tempo. Questo blog ha raccontato finora una storia nel passato, ed adesso ritorna bruscamente al presente.

e il presente di adesso è molto più oscuro di quello di un anno fa.

Ho scherzato fino ad adesso, sono stato delicato e avanguardista.
Chi di voi ne è ha conoscenza sà già della produzione di un nuovo album, di orientamento diverso, ma di contenuto ugualmente sovversivo.
Ma non è di questo che vi voglio parlare adesso.

Bensì è nata in me la necessità di costruire e comporre nuovi videoclips legati a ps.

Questo messaggio è quindi nient’altro che un avvertimento. un avvertimento di imminente pericolo. giratevi intorno e magari troverete scene raccapriccianti che finiranno in pellicola., la mia pellicola.

The Chatedral – Video.

Incomincio a pensare che i nostri oscuri padroni, che ci incatenano in questa insipida esistenza, e ai quali con forze mi ribello, e spero di coinvolgere anche voi, abbiano già vinto , e da tempo.

Si, hanno già vinto, e questo perché  NON hanno bisogno di rimuovere il video che sto per presentare. Perché hanno già assopito le vostre menti a tal punto da rendervi eternamente incapaci di comprenderne il messaggio sotterraneo (e quantomeno pericolosissimo per i nostri padroni).

Li diritti occhi torse allora in biechi;
guardommi un poco, e poi chinò la testa:
cadde con essa a par de li altri ciechi.

Alcuni pensano addirittura che ci sia un errore di traduzione, meschini costoro, meschini e sporchi inutili seguaci della fredda logica, che non comprendono quanta potenza ha l’inconscio mio, che suggerisce dalle più basse empietà alle più alte vette d’angelica potenza.

CHAT-e-DRAL

si, bestie della palesità,

La cattedrale, il luogo più sacro, nel quale si deve tenere l’assoluto silenzio riverente, dove l’eco e il riverbero non sono un caso, servono bensì per generare il terrore di proferir parola, perchè dio o chi per lui ha da dire le sue stronzate, li devi ascoltare.

E li, nella mia testa, nella mia cattedrale, questa sacralità viene profanata e violentata, perché ad anipocritotopia, la città del male rivelato (sempre meglio di quello nascosto), nella cattedrale si parla, non si fa altro che parlare, come nella mia testa le voci non finiscono di urlare e dire tutti la sua.

perdonatemi il paragone, ma un pò come succede a PORTA A PORTA.

e così che non resistetti. potrei citare vespa: BZZZZZ. ok adesso prendimi e bruciami nelle fiamme fredde dell’inferno dei cazzari

e così arrivò il momento, gustatevelo, perchè le energie disperse per crearlo non sono state poche.

si ringraziano in particolare davide cancila www.davidecancila.com e steva la cinchiala la mia diva.

Qui si fa sul serio.

Qui si fa sul serio

sempre che non l’avevategiàcapito. dio bono. eh.:;

(punto, due punti, punto e virgola, ma sì, fai vedere che abbondiamo… Abbondandis’id abbondandum )

chi non ha capito la citazione appena applicata, esca da questo blog, adesso.

sei ancora qui? smetti di leggere e ucciditi.

 

 

bene, adesso che ci siamo liberati degli intrusi, è ora di iniziare a parlare di cose serie, non uno ma più videoclip sono in progetto per progetto sommossa (che ripetizione fastidiosa aihimé)

difatto al momento cui scrivo uno è già stato realizzato, e verrà mostrato nel prossimo post.

 

per gli altri video…

 

 

 

…cazzo datemi tempo!! ma nel finesettimana ho già progetti.

 

che il signore sia con voi, amen. (e anche la signora)